Istruttore di Tiro

Descrizione

Per “istruttore di tiro” si intende la figura riconosciuta come tecnico esperto, in grado di insegnare il corretto uso delle armi in relazione all’attività svolta. Tale capacità viene riconosciuta al soggetto in virtù delle esperienze acquisite o a seguito della partecipazione a corsi specifici.

Il direttore di tiro ha invece il compito di sovrintendere alle attività eseguite nello svolgimento delle esercitazioni, facendo osservare le norme di sicurezza riguardo al maneggio delle armi. E’ responsabile dal lato penale e civile in caso di incidente.

Entrambe le figure possono essere ricoperte dallo stesso soggetto  a cui il Comune, in base all’ art. 31 della legge 18.04.1975 n. 110, rilascia un’unica autorizzazione.

La suddetta autorizzazione ha validità triennale, a seguito delle modifiche intervenute al T.U.L.P.S.  con l’art. 13 c. 1 lett. a) del Decreto legge n. 5 come previsto dall' art. 13 comma 1 lettera a) del Decreto Legge n. 5 del 9 febbraio 2012, precisato nella Circolare del Ministero dell’Interno del 22 febbraio 2012  e convertito con modificazioni nella legge 4 aprile 2012, n. 35.

Il rinnovo dell’autorizzazione deve essere effettuato presentando la domanda almeno 30 giorni prima della scadenza, per ulteriori tre anni.

L’autorizzazione viene rilasciata entro 30 giorni dall’invio telematico della relativa domanda, corredata della documentazione occorrente. In caso di rinnovo è sufficiente inviare, oltre alla richiesta, il certificato medico.

Ufficio competente

Per  il rilascio e il rinnovo della licenza di istruttore di tiro è competente l’ufficio S.u.ap. presso il Comune della Spezia - Piazza Europa, n. 1  - Piano 2

Tel  0187727410

 

Responsabile del procedimento: 

 

  Maria Luisa Bertoni    E-mail: marialuisa.bertoni@comune.sp.it

 

 

Requisiti

Nel modulo di domanda e di rinnovo deve essere autocertificato il possesso dei seguenti requisiti soggettivi :

  • assenza di pregiudiziali ai sensi della legge antimafia (L. 31/05/1965, n. 575 e succ. mod.)
  • assenza di condanne penali o di ulteriori situazioni che impediscano l’esercizio dell’attività ai sensi della normativa vigente (artt. 11 e 43 T.U.L.P.S. R.D. N. 773/1931)

Presentazione della domanda/richiesta di rinnovo

Per ottenere o rinnovare l’autorizzazione occorre presentare il modulo della domanda per via telematica, allegando il certificato medico attestante l’idoneità all’esercizio del tiro a segno e la comunicazione di appartenenza del Tiro a Segno Nazionale.

 

Insieme al modulo di domanda in bollo corredato della necessaria documentazione – la marca da bollo dell’importo di € 16.00 euro  è necessaria soltanto in caso di domanda e non di rinnovo – è necessario pagare diritti di istruttoria, pari ad 30,00  in caso di domanda di licenza e 10,00 in caso di rinnovo annuale

 

·         Atti da allegare alla domanda/richiesta di rinnovo

o   Certificato medico attestante l’idoneità all’esercizio del tiro a segno

o   Comunicazione di appartenenza del Tiro a Segno Nazionale

 

·        Termine di conclusione del procedimento: 30 giorni

Riferimenti di legge

L. 18 aprile 1975, n. 110 – Norme integrative della disciplina vigente per il controllo delle armi, delle munizioni e degli esplosivi (artt. 9 e 31)

Legge 31.5.1965, n. 575 in riferimento agli articoli 2 comma 1, 3 comma 1 e 4 commi 4 e 6 (Antimafia);

artt. 11 e 43 T.U.L.P.S. R.D. N. 773/1931

D.lgs. 31 marzo 1998, n. 112 – Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle Regioni e agli Enti locali, in attuazione del Capo I della L. 15 marzo 1997, n. 59 (art. 163)

art. 13 c. 1 lett. a) Decreto legge n. 5 del 9 febbraio 2012, convertito con modificazioni nelle legge 4 aprile 2012, n. 35